Salerno, blitz dei finanzieri al Convitto Nazionale: nei guai ex rettore
convittonazionale23
Fonti Foto
Salerno. Utilizzo indebito dei soldi destinati al Convitto Nazionale "Torquato Tasso", è questa l'accusa che pende su Maurizio De Gemmis, rettore dell'istituto dal 2011 al 2013: la Guardia di Finanza ha segnalato alla Procura regionale della Corte dei Conti le anomalie nei documenti contabili e, di conseguenza, i giudici hanno accolto la richiesta della Procura disponendo il sequestro di oltre 360 mila euro nei confronti dell'ex rettore. De Gemmis, al momento, è preside dell'istituto "Giovanni XXIII" di Cava de' Tirreni ma oltre a lui nell'inchiesta è coinvolto anche Ciro Cozzolino, ex direttore generale dei servizi amministrativi ed ora in pensione. I soldi sarebbero stati utilizzati per l'acquisto di cellulari, abbonamenti televisi e crociere, inoltre i due avrebbero venduto in modo del tutto illegittimo terreni ed immobili di proprietà del Convitto Nazionale così da ottenere le necessarie somme in denaro da utilizzare per i propri scopi personali. A De Gemmis e a Cozzolino sono stati pignorati lo stipendio e la pensione e gli è stato notificato l'invito a dedurre attraverso il quale potranno fornire chiarimenti.
Author: Francesca Salvato

 
   
Articolo contenuto in
  Cronaca  
SU SALERNO CITTA' POTREBBERO INTERESSARTI
   
AGGIUNGI UN COMMENTO O SCRIVICI A redazione@irno.it
 
SEGUICI SU FACEBOOK E NON PERDERTI LE ULTIME NOTIZIE