Spettacoli, al Terzo Tempo Village "La cantatrice calva"
cantatricecalva57
Fonti Foto
San Mango Piemonte. "La cantatrice calva" di Eugene Ionesco, che sarà messa in scena il 22 aprile alle 21.00 al Terzo Tempo Village di San Mango Piemonte dalla compagnia teatrale "the LAAVers", è una commedia surreale e grottesca, i cui personaggi pronunciano frasi quasi senza senso, alle volte totalmente incomprensibili. Sono schiavi del tempo e delle abitudini; reprimono quello che provano ma si urlano addosso parole d'amore; parlano d'altri solo perché non sanno di cosa parlare; si raccontano assurdità e ridono solo per cortesia; inseguono una felicità e una normalità che non riusciranno mai a raggiungere. Burattini intrappolati negli schemi e nelle convenzioni che si equivalgono a tal punto che potrebbero cambiare faccia e voi non ve ne accorgereste nemmeno! In un mondo di cui il senso sfugge a tutti ma di cui tutti fingono di conoscerne il senso, "La Cantatrice calva" di Eugene Ionesco racconta agli spettatori il dramma dell'uomo condannato dall'eterna solitudine di chi tenta di comunicare ma non riesce ad essere compreso. I "The LAAVers" sono una compagnia teatrale composta da ragazzi giovanissimi, uniti da un grandissimo amore per il teatro. Dopo essersi incontrati all'interno dell'officina teatrale "LAAV"- nata nel settembre 2009 dalle due insegnanti e registe Licia Amarante e Antonella Valitutti - il 14 febbraio 2017 hanno deciso, insieme alle due registe e sotto la loro guida, di fondare questa giovane compagnia per diffondere la passione per la recitazione e la creatività. Gli attori: Annachiara Castorino, Olga Daniele, Chiara De Silva, Alessandra Di Muro, Valerio Elia, Fiammetta Fortunato, Chiara Frallicciardi, Chiara Giovannone, Bernadette Landi, Valerio Lorito, Pasquale Lorito, Rocco Milieri, Marina Napoli, Aurelia Santoro, Rosita Speciale, Eleuterio Zoccola. Erminia Pellecchia, in occasione della prima di Wilde, ha scritto per "Il Mattino ": "Una prima che ha mostrato i pregi di un gruppo ben affiatato e caricato, la cui dote maggiore, oltre la passione, è la cultura del teatro. Risultato? Una rappresentazione frizzante e mordace, ironica, profonda, ritmata".
 
   
Articolo contenuto in
  Cultura  
SU SPETTACOLI E CONCERTI POTREBBERO INTERESSARTI
   
AGGIUNGI UN COMMENTO O SCRIVICI A redazione@irno.it
 
SEGUICI SU FACEBOOK E NON PERDERTI LE ULTIME NOTIZIE