Scuola, il ministro Fedeli illustra il lavoro "Conoscere, Formare per cambiare"
comune16
Fonti Foto
Salerno. L'Associazione "In Movimento…", in collaborazione con l'Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Salerno, presenta lunedì 16 gennaio alle ore 9.30, presso il Salone dei Marmi di Palazzo di Città di Salerno, i risultati della seconda fase del percorso formativo attuato nell'ambito del progetto "Conoscere, Formare per Cambiare - Percorsi educativi per l'affermazione di una cultura di genere - Piena cittadinanza delle differenze, Contro ogni forma di violenza e discriminazione". Il progetto, predisposto dall'Associazione "In Movimento…" e tuttora in corso, si è avvalso del Patrocinio e del sostegno dell'Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Salerno e del patrocinio dell'Ogepo - Unisa. Il percorso educativo ha coinvolto un gruppo di alunni e di alunne dell'Istituto Comprensivo "Rita Levi-Montalcini" di Salerno che dalla V elementare sono transitati alla scuola secondaria di Primo Grado. Il lavoro che viene presentato si è sviluppato coinvolgendo, in modo attivo e diretto, oltre che le ragazze ed i ragazzi interessati, anche le loro famiglie e gli insegnanti. Le varie attività, individuali e di gruppo, hanno consentito agli studenti di produrre le proprie, autonome riflessioni arricchendo ulteriormente il percorso originariamente immaginato. L'iniziativa, coordinata dal giornalista Alberto Leiss, prevede gli interventi di Vincenzo Napoli, sindaco di Salerno, di Eva Avossa, assessore alla Pubblica Istruzione, di Aurelio Tommasetti, magnifico rettore dell'Università degli Studi di Salerno, di Barbara Figliolia, dirigente scolastico dell'Istituto "Rita Levi-Montalcini" di Salerno, di Maria Rosaria Pelizzari, direttrice Ogepo - Unisa, di Lella Marinucci, presidente Associazione " In Movimento…". I lavori saranno conclusi da Valeria Fedeli, ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca. Saranno presenti gli alunni e le alunne protagonisti del progetto con le loro famiglie, insieme a delegazioni delle altre scuole della città.
 
   
Articolo contenuto in
  Scuola  
SU MONDO SCUOLA POTREBBERO INTERESSARTI
   
AGGIUNGI UN COMMENTO O SCRIVICI A redazione@irno.it
 
SEGUICI SU FACEBOOK E NON PERDERTI LE ULTIME NOTIZIE