Fiume Sarno, le acque tornano nere dopo il lockdown: la denuncia dei cittadini
Salerno News
Fonti Foto
S
arno. Finisce il lockdown e il fiume Sarno torna nero. E' bastato un solo giorno di riapertura delle attività industriali per far tornare inquinato e sporco il fiume Sarno, rendendolo il fiume più inquinato d'Europa. Da via Roma e verso la linea ferroviaria soprelevata delle Ferrovie dello Stato, le acque sono diventate torbide emanando cattivo odore. Come tantissimi cittadini hanno denunciato sui social, da ieri il fume è tornato a riempirsi di veleni. La colpa di questo scempio sarebbe da attribuire ai soliti illeciti e poco sicuri scarichi industriali del comprensorio nocerino e, non di meno, a quelli che arrivano direttamente da un suo affluente, il Solofrana nell'Avellinese, che è tornato a essere marrone a causa degli sversamenti delle fabbriche di pelli. Fa male ritornare ad assistere a questa involuzione. Le immagini che testimoniano il ritorno all'inquinamento in meno di 24 ore di ripresa delle attività nella Fase 2 sono state inviate alle autorità da diversi cittadini insieme a quelle delle acque del mare del porto di Baia, a Bacoli, e del Villaggio Coppola, a Castel Volturno.
 
   
Articolo contenuto in
  Cronaca  
SU AGRO NOCERINO SARNESE POTREBBERO INTERESSARTI